Freddie Mercury: cinque curiosità sul frontman dei Queen

Freddie Mercury

Freddie Mercury è senza dubbio uno dei cantanti più popolari della storia della musica. In questi giorni è uscito nelle sale cinematografiche italiane, Bohemian Rapsody, film (molto poco) autobiografico sull’artista britannico. Vediamo allora di conoscere più approfonditamente Farrokh Bulsara, l’uomo che ha iscritto la storia del rock.

Zarathustra e la sua dottrina

Freddie Mercury e la sua famiglia erano seguaci della dottrina zoroastriana che predica l’eterna lotta tra bene e male Il motto di tale filosofia è riassunto nella frase: “Buoni pensieri, buone parole, buone opere”. Questa filosofia predica la parità sessuale tra uomo e donna, l’attenzione all’ambiente e la carità. Il funerale dell’artista, per sua volontà, è stato celebrato mediante questa liturgia. La cremazione del suo corpo è un’altra conseguenza della religione che seguiva.

Il Queen Crest

Freddie Mercury non era solo un cantante eccelso, ma anche un ottimo disegnatore. Si laureò all’Istituto d’Arte Ealing, in arte e design. Fu lui a disegnare il logo dei Queen, conosciuto come Queen Crest, in cui, la corona è inscritta in una Q e circondata dai segni zodiacali dei componenti della band. Per chi non lo sapesse, Freddie era del segno della Vergine (rappresentato dalle fate sotto lo stemma), John Deacon e Roger Taylor del Leone (che troneggiano ai lati della corona), Brian May del Cancro (simboleggiato dal granchio sopra la Q). Tutti gli elementi sono sovrastati da una grande  fenice  con le ali spiegate che simboleggia la capacità di rinascere dalle proprie imprese ceneri, segno di immortalità e speranza.

Amore-odio per le cravatte

Alzi la mano chi ha mai visto Freddie Mercury con indosso una cravatta! Non esiste una sola foto in cui lui indossi l’accessorio sdoganato dai mercenari croati durante la Guerra del Trent’anni. Ciononostante, il cantante ne è stato un grande collezionista. Nel corso di una sessione di shopping in Giappone fece chiudere al pubblico un intero centro commerciale, dove, tra le altre cose, comprò 30 cravatte, che non indossò mai. Si dice ne possedesse oltre cento. Collezionista, dunque, ma non modello. Una delle tante stramberie del re del rock.

Nemo propheta in patria

Come riportato nella celebre frase dei vangeli, anche Freddie Mercury non è stato apprezzato nella terra delle sue origini. A Zanzibar, infatti, l’isola è nata e cresciuto, non vi è traccia del suo passaggio. La sua casa natale è stata  addirittura trasformata in un magazzino di una bottega di prodotti locali. Insomma: l’artista è stato rinnegato e dimenticato. Il motivo è da ricercare nel suo stile di vita. Mercury, infatti, era bisessuale (e non omosessuale come moti credevano), e questo non è stato accettato da una nazione a maggioranza islamica.

I denti di Freddie

Il giorno in cui Freddie Mercury si propose a Brian May e Roger Taylor come voce del gruppo Smile si sentì rispondere: “Non con quei denti”. In effetti, l’artista soffriva di una malocclusione dentale, ossia i denti delle due arcate non combaciano in modo perfetto, una patologia che Freddie pare abbia ereditato dalla madre. In casi come il suo i denti in più in fondo spingono gli altri verso il centro, causando uno spostamento e un accavallamento degli incisivi. Ciò produce anche la sporgenza dei denti.  Come hanno raccontato alcune persone a lui vicine, Freddie si è sempre sentito in imbarazzo per questo problema e quando faceva interviste video, ad esempio, cercava di nascondere i denti coprendoli con il labbro superiore o con la mano. Come spiegò lui stesso, però, questo gli permetteva di avere una maggior estensione vocale perchè aveva più spazio nella bocca. Per questo motivo, pur potendoselo permettere, non si operò mai. il terrore che il suo timbro vocale potesse cambiare era superiore alla vergogna per quei denti sporgenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.