BTS: la boyban che sbaraglia le star internazionali su twitter

I BTS per il secondo anno consecutivo sono risultati gli artisti musicali più cliccati su twitter. Un primato incredibile per questi sette ragazzi sudcoreani, idoli in patria, ma praticamente sconosciuti al resto del mondo. Secondo i dati ufficiali rilasciati dal social network, i tweet riguardanti la boy band sudcoreana generati dal 1 gennaio al 20 settembre 2018 sono la bellezza di 1,6 miliardi. Dati a dir poco sorprendenti anche in relazione ai followers (17.288.608) rispetto alle grandi star americane. Anche per quanto riguarda gli hashtag generati nel corso di quest’anno i BTS la fanno da padroni: sui 500 più usati al mondo, 167 li riguardano. Infine, il gruppo sudcoreano ha fatto suo anche lo scettro di tweet con più like dell’anno. Il loro video di #InMyFeelingsChallenge, in cui uno dei componenti balla vicino a un’auto in movimento sulle note della hit di Drake, ha guadagnato più di 1,7 milioni di like ed è stato visto 14 milioni di volte. Ma come è nata questa band? Scopriamolo insieme.

BTS: genesi di un successo

I BTS, acronimo del nome coreano Bangtan Sonyeondan, si sono formati nel 2013 a Seoul. La band conta sette membri:  RM, Jin, Suga, J-Hope, Park Ji-min, V e Jeon Jung-kook. La Big Hit Entertaiment, l’etichetta discografica sudcoreana a cui si deve la formazione della band, già tra il 2010 e il 2011 aveva iniziato le audizioni per formare la boy band. Il gruppo attuale nasce ufficialmente il 12 giugno 2013 con il rilascio del singolo 2 Cool 4 Skool. L’origine coreana del nome si traduce con “Boy scout a prova di proiettile”. Il fine ultimo della band è quella di essere un modello per i giovani, allo scopo di bloccare le critiche che, come proiettili, mirano agli adolescenti, e di proteggere invece i valori e gli ideali di questi ultimi. La band si caratterizza fin da subito per un massiccio uso dei social, in particolar modo Twitter, YouTube e SoundCloud.

Influenza musicale

I BTS utilizzano diversi  generi musicali dall’hip-hop, al rap, con alcune comparsate nel rock. Le tematiche dei loro testi sono principalmente sociali: dal bullismo alla ricerca della felicità. Secondo Billboard,  i BTS sono uno dei produttori musicali kpop più competitivi dell’epoca. La loro principale caratteristica, infatti, è che tutti i membri del gruppo, hanno partecipato alla scrittura e alla produzione delle proprie canzoni.  in occasione del piazzamento di Love Yourself: Tear in vetta alla Billboard 200, il presidente sudcoreano in carica Moon Jae-in ha riconosciuto come “ciascuno dei sette membri canta in modo fedele a se stesso e alla vita che vuole vivere. Le loro melodie e i loro testi trascendono i confini, le lingue, la cultura e le istituzioni regionali”. L’obiettivo dei BTS ora è conquistare anche le fette di mercato fuori dalla Sud Corea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.